“Solo ciò che viene mangiato, non viene dimenticato“

Una breve storia dell´agricoltura

Sabine del Felderhof, una fattoria biologica che si trova a Villa Ottone, è una contadina con il cuore, ed è un vero piacere andare a trovarla. La consegna settimanale degli ingredienti è un momento fondamentale ed emozionante presso il Drumlerhof: rape viola, rosse e gialle, patate piccole, grandi e dolci, insalata di erbe, asparagi cinesi e molto altro. Quasi tutto ciò che Sabine ci consegna, cresce nel suo giardino. Tutti gli ortaggi vengono coltivati in maniera naturale, senza pesticidi o fertilizzanti chimici. Le cinque oche del maso curano la terra, e diligentemente mangiano le lumache che si trovano nelle aiuole.
Presso il Felderhof convivono anche mucche e galline, e non possiamo fare a meno di nominare Berni, il cane del maso, sempre felice di salutare e accogliere nuovi ospiti.
Sabine presta particolare attenzione alle “sementi”. Si tratta di ortaggi locali molto dispendiosi nella lavorazione, che spesso non possiedono una dimensione simile, e di razze animali, non facili da allevare e gestire. Oggi l’interesse degli allevatori e dell’economia si è spostato verso specie più produttive e verdure di una certa grandezza. In passato le sementi erano una componente fissa nei campi, nei masi e nelle cucine. Tramite il progetto “Solo ciò che viene mangiato, non viene dimenticato”, Sabine vuole reintegrare la biodiversità nelle cucine delle case e dei vari hotels.
Il Drumlerhof, con la sua filosofia e i suoi ideali, si adatta perfettamente a questo progetto; quando abbiamo ricevuto la richiesta dal Felderhof, non abbiamo esitato troppo a lungo nel dare inizio a questa collaborazione. Bisogna ripetere che Sabine ci fornisce con i suoi prodotti da parecchi anni, e che lavoriamo con sementi da ormai qualche tempo. Fa parte della nostra giornata il fatto che i nostri ospiti ci chiedano quale verdura si trovi sul loro piatto, e come mai la carota abbia un colore insolito. Non solamente i nostri ospiti, ma anche i nostri cuochi, si chiedono come preparare e cucinare certe carote, che crescono vicino a pomodori che profumano di lampone. La varietà e particolarità dei prodotti, fa sì che il nostro team debba cucinare in maniera creativa.
In particolare, possiamo sostenere e aiutare il maso Felderhof attraverso la “colazione solidale”. Abbiamo acquistato alcune galline da Sabine: si tratta di un’antica razza avicola, la gallina Neo-Tirolese. Così facendo, Sabine ha la possibilità di mantenere questa specie in vita e nonostante le galline non depongano uova in maniera constante, gli animali possono vivere liberamente. Inoltre, presso il Drumlerhof, possiamo offrirvi “l´uovo di colazione solidale”.
*Agricoltura civica: i vari beni perdono il loro prezzo e riacquistano così il loro valore. Wolfgang Stränz, Buschberghof
Siamo molto orgogliosi di far parte di questo progetto. Non solamente noi, ma anche i nostri ospiti ci aiutano a far rivivere la connessione tra agricoltura locale e turismo!
 
 
 
26.02.2019
Emma