"Eco-pionieri sudtirolesi"

Il Drumlerhof su Spiegel Online

(....) "Un sistema a punti per valutare il bene comune. E’ stato adottato per esempio dal Drumlerhof a Campo Tures che con il suo giardino d’inverno e le sue Stube in legno non sembra a prima vista diverso da molti altri hotel e ristoranti della zona.
Pane e formaggio però provengono dalla Valle e molti prodotti direttamente dalla propria azienda agricola. E la carne viene utilizzata tutta senza sprechi.

Quanto questo approccio sia utile anche all'ambiente e alla società è scritto regolarmente nero su bianco dal Drumlerhof. L'hotel infatti ha aderito all'Economia del Bene Comune dell’economista Viennese Christian Felber secondo cui il successo non viene misurato soltanto in Euro e centesimi di Euro, ma anche in termini di benefici di tutte le parti coinvolte.
 
"I maiali non sono fatti solo di filetto", dice il proprietario Stefan Fauster. Perciò il cuoco del Drumlerhof dalle parti meno nobili di carne prepara zuppa e ripieno per i ravioli. E gli ospiti gradiscono.
Il Bilancio dell’Economia del Bene Comune redatto annualmente valuta in un sistema a punti anche l'impegno rispetto a valori come la dignità umana, la sostenibilità ambientale, la partecipazione e la giustizia sociale. Questo sistema, raccomandato dall'Unione Europea è utilizzato anche dall'Hotel La Perla e da molti altri: sono già 70 le imprese in Alto Adige. Molti sono stati motivati dall'Istituto Terra di Bressanone e il suo fondatore Günther Reifer che considera d’obbligo la sostenibilità per destinazioni turistiche di successo come l’Alto Adige. In caso contrario, gli ospiti potrebbero optare presto per destinazioni più sostenibili. "Ogni euro è come un voto favorevole". (...) (c) Hans-Werner Rodrian/srt/abl. Quelle: spiegel.de Traduzione italiana di Federica Trama
 
 
04.05.2016
Noi